In missione … per testimoniare “Qualcuno” (25 febbraio 2017)

Le Sorelle della Comunità del Centro Giovanile animano la preghiera dalle 22.00 all’ una di notte

In una serata dalla temperatura mite, nel cuore della notte, la Chiesa SS. Annunziata dei Catalani aperta, in penombra, con un faretto puntato al centro dell’altare, su un ostensorio con dentro Gesù Eucaristia, dei sacerdoti disponibili per l’ascolto o le confessioni, delle coppie di giovani che, dopo aver ricevuto il mandato missionario dal sacerdote che presiedeva la funzione, don Francesco De Domenico, andavano in giro, per strada, a donare un messaggio d’amore e di speranza, invitando i passanti ad entrare in Chiesa per incontrare il loro Amico speciale, forse trascurato: Gesù.
Fuori, tanti, tantissimi giovani e molte famiglie passeggiavano e curiosavano, ignari di cosa fosse quell’evento straordinario. “Che sarà mai? Forse un concerto? Una mostra”? Tante domande, una sola risposta: “La missione territoriale, che unisce, in un’esperienza di adorazione eucaristica e di evangelizzazione esterna, vari Uffici e Organismi Diocesani (Ufficio Liturgico, Caritas, Servizio di Pastorale Giovanile, Ufficio Missionario, Seminario Arcivescovile e USMI) e tanti gruppi laicali e parrocchie che desiderano condividere la gioia dell’annuncio, della testimonianza, della Riconciliazione, grazie ad un Padre che ci ha amati per primo e che non si stanca mai di aspettarci, di aprire le Sue braccia per riservarci una calorosa accoglienza, per donarci il Suo sostegno e la Sua tenerezza, in qualsiasi circostanza della vita.

4 sintesi 3 mandato 2 adorazione 1 presentazione

Traduci